Η στάση του Palinuro στην Λέρο

 

thumb_53_palinurovespucci

[Η μετάφραση δεν είναι ακόμα διαθέσιμη]

[click on thumbnail to open the gallery]

 

La nave scuola Palinuro, un trealberi con armo a goletta della MM italiana, ha fatto scalo a Leros dal 1° al 6 settembre 2016, in occasione della manifestazione Alle origini del SAR, nell’ambito della crociera estiva nel Mediterraneo degli allievi Sottufficiali dell’Accademia Navale di Taranto.

[click on below link or on title to open full page]                         

Lo scalo a Leros, originariamente programmato per un’altra isola dell’Egeo, è stato ottenuto grazie all’intervento dell’Addetto militare all’Ambasciata di Atene Col. Albanese, in diretta relazione con la manifestazione.

La Nave Scuola Palinuro, varata in Francia nel 1934 come peschereccio d’altura e trasformata nel 1954 in nave scuola, affiancandola alla Amerigo Vespucci, ha scafo in acciaio con dislocamento di 1300 ton. e circa 100 uomini di equipaggio, e ospita 35 croceristi tra allievi e guardiamarina.

E’ arrivata il 1° settembre direttamente dal Mar Nero con una navigazione senza scalo di una settimana, dopo una sosta nel porto di Costanza in Romania, e lo stesso giorno una rappresentanza di ufficiali ed allievi, accompagnati dal presidente dell’AIAL hanno reso visita alle autorità del luogo.

Sono stati offerti i crest ufficiali della nave e dell’Accademia Navale al Sindaco, all’Arcivescovo, al Capitano di Porto ed al Comandante della base navale, quest’ultimo in occasione di una visita guidata degli allievi all’ex Arsenale di Sangiorgio, oggi YNTEL.

La nave è rimasta aperta al pubblico fino a tarda sera, registrando l’afflusso di moltissimi visitatori; tra questi, gli studenti delle scuole elementari di Lakki e di Alinda ed illocale gruppo scout, che hanno avuto l’occasione di scoprire il magico mondo della vecchia marina ricca di legni ed ottoni.

thumb_53-visita.aial.palinuro

[click on thumbnail to open the gallery]

I soci dell’AIAL hanno a loro volta reso ufficialmente visita alla nave, a conclusione della quale si svolta una piccola cerimonia con scambio di crest tra l’associazione e la nave e gli allievi dell’Accademia.

Un ricevimento a bordo particolarmente raffinato è stato offerto dal comandante della nave e dall’addetto militare dell’Ambasciata  alle autorità civili e militari ed alle personalità dell’isola, nonchè a tutto il direttivo dell’AIAL, che hanno tutti molto apprezzato e lodato i prodotti italiani del buffet e l’ottima cucina di bordo.

thumb_53_allievi.palinuro

[click on thumbnail to open the gallery]

Durate il soggiorno nell’isola si sono svolte una serie di visite guidate, organizzate dall’AIAL per gli allievi sottufficiali, agli edifici razionalisti di Lakki, al Castello, ai musei storici Tunnel di Merikià e Deposito di Guerra di Iannis Paraponiari, nonché una piccola conferenza del Segr.Gen. AIAL avente per tema la storia di Leros presso il Teatraki di Ag. Marina.

Il comandante della nave, a capo di una squadra di volontari, hanno effettuato una sommaria pulizia al cimitero storico di Temenia.

Una serata gastronomico-musicale di benvenuto in onore dell’equipaggio e degli allievi è stata organizzata dall’AIAL con la collaborazione del Circolo Nautico e dell’associazione Artemis sotto i pini del Trito Koulouki, con un ricco buffet di specialità italiane e greche, musica tradizionale ed una esibizione di danze greche, che ha piacevolmente sorpreso e coinvolto tutti gli intervenuti.

Organizzata dall’associazione veterani presso il campo sportivo di Xerocampo, una rappresentanza mista di allievi ed equipaggio della Palinuro hanno partecipato ad una partita amichevole di calcio Palinuro-Leros terminata in parità e conclusa da un piccolo ricevimento offerto dall’associazione sportiva locale.

L’ultimo giorno dello scalo a Leros è stato impegnato partecipando ufficialmente, con la deposizione di corona ed un picchetto d’onore, alla cerimonia commemorativa presso il monumento dedicato ai caduti della battaglia di Leros, cerimonia che ha aperto la manifestazione Alle Origini del Sar.

Alla fine della cerimonia l‘addetto militare all’Ambasciata di Atene ha offerto un ricevimento agli intervenuti ed al picchetto d’onore presso il Circolo Ufficiali del battaglione di fanteria 588TE di stanza nell’isola.

Salutata da una nutrita rappresentanza di soci e di simpatizzanti dell’associazione, al mattino del 7 settembre la nave ha mollato gli ormeggi del porto di Lakki per fare rientro in Italia, con un ricordo dello scalo particolarmente gradevole per la calda accoglienza ricevuta, e rivelatosi il più piacevole della crociera per allievi ed equipaggio.

 

 

 

 

 

LAST NEWS

member login